9 Maggio 2015 – Una medaglia al CORAGGIO

5 ore alla seconda iniezione e già me la sto facendo sotto.

E levo questa spada
Alta verso il cielo
Giuro sarò roccia contro il fuoco e il gelo
Solo sulla cima
tenderò i predoni
Arriveranno in molti
E solcheranno i mari
Oltre queste mura troverò la gioia
O forse la mia fine comunque sarà gloria
E non lotterò mai per un compenso
Lotto per amore, lotterò per questo

Se ieri a quest’ora ero tutta carica e spendevo paroloni pieni di buoni propositi, oggi con la prima siringa in attivo, posso dire che se dovessi dare un giudizio a questo mio inizio, forse mi meriterei un 5 e mezzo… una quasi sufficienza, ma non di più.

  • 1 punto per aver aspettato la sera in maniera calma e serena
  • 1 altro punto per aver voluto cenare con del sushi per festeggiare
  • 1 per aver spiegato a Vesevo come preparare la siringa
  • 1 punticino per aver avuto la brillante idea di volermi fare l’iniezione da sola
  • 1 punto per essermi bucata due volte, uno nel tentativo di prendere le misure e sentire se faceva male, l’altro quello ufficiale.
  • e il mezzo me lo merito per aver aspettato di estrarre tutto l’ago dalla pancia prima di scoppiare in un pianto da fine del mondo, dove rabbia, delusione, sofferenza, dolore, sfiducia, insuccessi sono venuti fuori in una sola volta, misti all’idea che non sarà l’ultima, ma al contrario, ci saranno tantissime altre sere come questa piene di paura, pensieri, tristezza e felicità insieme, continuandomi a domandare: “Perché??”

Io sono un guerriero
Veglio quando è notte
Ti difenderò da incubi e tristezze
Ti riparerò da inganni e maldicenze
E ti abbraccerò per darti forza sempre
Ti darò certezze contro le paure
Per vedere il mondo oltre quelle alture
Non temere nulla io sarò al tuo fianco
Con il mantello asciugherò il tuo pianto

Ora se vogliamo continuare a scherzare e dire sempre che è tutto rosa e bello bene, siete liberi di farlo, ma sinceramente io non ci sto!

Ma hai sentito male??”. Queste le parole di Vesevo che continuava a ripetermi mentre io piangevo fissando il soffitto dopo essermi fatta la puntura da seduta, e sprofondata successivamente perché mi sentivo mancare. “No, male no!”, ma come facevo a spiegargli quel vortice di emozioni che sentivo dentro e che in quel momento nemmeno io sapevo spiegare. Sentivo solo il bisogno di piangere.

E amore il mio grande amore che mi credi
Vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
E resterò al tuo fianco fino a che vorrai
Ti difenderò da tutto, non temere mai
E amore il mio grande amore che mi credi
Vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
E resterò al tuo fianco fino a che vorrai
Ti difenderò da tutto, non temere mai

Non ho dormito questa notte, ma non ho nemmeno pensato a nulla, sentivo di aver la testa affollata e piena di confusione, di idee, di ingiustizie. Si perché non era giusto che dovevo subire quelle cose, che erano per una giusta causa, ma non per questo dovevo arrivare a provare questo dolore.

Non temere il drago
Fermerò il suo fuoco
Niente può colpirti dietro questo scudo
Lotterò con forza contro tutto il male
E quando cadrò tu non disperare
Per te io mi rialzerò

E’ così che ho deciso che mi sarei assegnata una medaglia, una sorta di premio e l’avrei dedicata al CORAGGIO, si, proprio al coraggio che sul più bello è venuto a mancare. Il Coraggio che ho avuto in questi anni per trovare sempre un motivo per andare avanti, per non lasciarmi andare, per non sciupare la mia esistenza. Il Coraggio di voltare ogni volta pagina, il Coraggio di trovare nuovi stimoli, sempre nuovi inizi. Il Coraggio di aver avuto la forza di mettere una fine e ricominciare.

Io sono un guerriero e troverò le forze
Lungo il tuo cammino
Sarò al tuo fianco mentre
Ti darò riparo contro le tempeste
E ti terrò per mano per scaldarti sempre
Attraverseremo insieme questo regno
E attenderò con te la fine dell’inverno
Dalla notte al giorno, da Occidente a Oriente
Io sarò con te e sarò il tuo guerriero

Il Coraggio di uscire dal guscio, il coraggio di togliermi la corazza e di farmi aiutare. Il Coraggio di capire che se voglio realizzare il mio sogno, questa è l’unica strada da percorrere. Il Coraggio di accettarmi e accettare tutto questo. Il Coraggio che spero da questa sera in poi, mi faccia vincere altre medaglie, si… una per ogni puntura!

Ci saranno luci accese di speranze
E ti abbraccerò per darti forza sempre

Vesevo: “Ma domani sera, sarà lo stesso cinema?”

io: “…eh si!…. perché? Gioca il Napoli?”

Giuro sarò roccia contro il fuoco e il gelo
Veglio su di te, io sono il tuo guerriero

(Marco Mengoni)

Annunci

2 pensieri su “9 Maggio 2015 – Una medaglia al CORAGGIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...